Aperitivo con l'impresa - Impatto Zero - Marco Bettaglio

Un’azienda, quattro fratelli, una filosofia di lavoro ma soprattutto di vita, questa è Marbet Due.

Nel 2013 ho avuto l’opportunità di conoscere tutti i componenti della famiglia e toccare con mano  cosa significhi applicare e fare funzionare un’azienda che lavora con il Toyota Production System (TPS).

Per me è stato amore a prima vista, devo però confessare che l’innamoramento era cominciato anni prima sui libri, quando lo studiavo all’università, ma vederlo tradotto nella pratica quotidiana e con tali risultati è stato davvero entusiasmante.

Ma come ci è arrivato Marco Bettaglio, responsabile della strategia aziendale e direzione commerciale, al metodo Toyota?

Gli abbiamo chiesto di raccontarci il percorso che lo ha portato ad abbracciare questo sistema e anche di farci conoscere, in questa breve intervista, il Marco Bettaglio uomo.

Marco vorrei partire dalla fine, mi rendo conto che la domanda non sia tra le più originali, ma è fondamentale per comprendere meglio le scelte che hai fatto per la tua azienda e, mi verrebbe da dire, anche per la tua vita. Quindi venendo a noi, chi è Marco Bettaglio uomo e manager?

Sono cresciuto in una famiglia dove “la pappa pronta” non esisteva e dove a ciascuno era chiesto di ingegnarsi per raggiungere i propri obiettivi, sono stato “tirato su” con due insegnamenti fondamentali: uno paterno “ascolta tutti ma ragiona con la tua testa” e uno materno “tu prendi la direzione che vuoi veramente e vedrai che arriverai dove desideri”. 

Così ho cominciato a fare mille lavori e ad avere mille interessi, ognuno dei quali mi ha lasciato qualcosa che ancora oggi sfrutto per migliorare il mio lavoro, perché ogni giorno il mio lavoro è quello degli altri.
Ho fatto studi economici anche se il mio sogno era di fare il ricercatore nel campo della fisica, tutt’altra strada, certo, ma in fondo posso dire che in parte l’ho realizzato facendo il “ricercatore” in campo aziendale.

Arriviamo al “famoso” Toyota Production System, com’è nato il tuo amore per questo sistema e quando hai capito che poteva essere applicato alla tua azienda?

Il mio amore per Toyota è nato quando ricercavo un metodo produttivo che mi permettesse di allargare la gamma di prodotti della nostra azienda minimizzando le quantità di vendita, pur restando economicamente in profitto. La  mia esigenza era di passare da 10 articoli da 10 pezzi a 100 articoli da 1 pezzo. Il metodo Toyota mi avrebbe permesso di raggiungere questo obiettivo senza appesantire di ulteriori costi la mia struttura, l’ho studiato, adattato al mio caso, applicato e i risultati non si sono fatti attendere.

Oltre a ciò la mia ricerca come imprenditore è sempre stata quella di trovare soluzioni, articoli, processi che servissero ai miei clienti, il metodo Toyota, con il Kaizen (cioè “miglioramento continuo”), mi ha permesso di trovare ogni giorno una soluzione, un prodotto, un metodo che aumentasse il valore della mia azienda. E se è vero che l’azienda è fatta di persone allora direi un metodo “che aumentasse il valore delle persone”.

Modello Toyota, Aperitivo con l'impresa,

 

L’attenzione alle persone, al loro valore sono un cardine se non proprio IL cardine di questo sistema e quando ho avuto la possibilità di vederti e ascoltarti in azienda ho capito che hai fatto tuo questo concetto.

Sì è cosi, con il tempo ho imparato che il sentimento più forte è l’amore, l’amore per le persone, per il proprio lavoro e soprattutto l’amore per il cliente e in Marbet ogni attività è guidata dall’amore per il cliente. Solo dopo vengono i nostri interessi. Agendo in questo modo diventa facile pensare a strategie a lungo termine e a soluzioni innovative.

Marco alla luce di quanto detto, perché un giovane imprenditore dovrebbe abbracciare questa filosofia?

Perché come dicevo un momento fa, è basata sulle persone, che sono la vera ricchezza delle aziende, coordinate dall’uso del “buon senso”.

Si sente parlare molto spesso di quanto sia importante occuparsi del proprio personale in azienda, dandogli spazi d’espressione, attenzione e valore, ma nella pratica succede di rado. Avere la conferma invece che questo può essere davvero messo in pratica con soddisfazione condivisa è una grande iniezione di ottimismo per il futuro. Marco grazie per avermi aiutata ad evidenziare che è sempre il fattore umano a fare la differenza.

Se sono riuscita a trasmetterti anche solo in piccola parte la mia passione per questo metodo, allora non puoi mancare al nostro evento, affrettati, i posti rimasti sono pochissimi!

Aperitivo con l’Impresa 30 settembre ore 18.00 a Correggio (RE), iscriviti subito!

 

Proveniente da una lunga esperienza nel commercio al dettaglio e nel customer care, mi occupo della gestione del Training Hub Impatto Zero, un'area dinamica di formazione ed esposizione.